1 2 3 4 5

 

diadora


brother




 sirtori  allianz
enjoy zeiss
rosati contalens
linea mitiaro for you
 de poli residenza serre
fidelio edilvit
eliotecnica sant ambrogio
mobilissimo
xerox termogamma
   
kromasport cosmosport
StrikeSport  

 

 

ARRIVEDERCI ALLA XXIII EDIZIONE DELLA MEZZA MARATONA DEL NAVIGLIO DOMENICA 19 MAGGIO 2019

 

Una giornata piuttosto calda, quantomeno per correre una mezza maratona, non ha impedito al keniano James Murithi Mburugu (Kenya-R2gether) di vincere realizzando il record della manifestazione con il tempo di 1:04:29. Una gara combattuta sin dall’inizio, con Paul Tiongik (Kenya-G.P. Parco Alpi Apuane), poi classificatosi secondo (1:05:18), che ha cercato più volte di staccare l’avversario. I due si sono avvicendati al comando fino al km 15, quando Mburugu è riuscito a cambiare ritmo mantenendo un discreto margine sino al termine. Terzo posto per un altro keniano, Ken Kibet Mutai, che ha chiuso in 1:06:41.

Primo italiano è risultato Nasef Ahmed, col tempo di 1:10:07.

Gara femminile che ha cambiato volto dopo il giro di boa a Gorgonzola, quando la keniana Lenah Jerotich (Atletica 2005) ha staccato decisamente le avversarie vincendo in 1:14:05, a soli, 34 secondi dal record della gara. Secondo posto per l’etiope Belay Tegegn Addisalem (Atletica Brugnera) e terzo posto in 1:16:39 per Caroline Cherono (Kenya-R2gether), che in questo modo bissa la stessa posizione del 2017.

Prima italiana in 1:27:00 Emanuela Mazzei (Cambiaso Risso).

Soddisfatti gli organizzatori per una manifestazione che, se ha perso partecipanti sul versante della gara agonistica, ha totalizzato quasi 3000 presenze complessive, con le altre distanze non competitive e i bambini. In particolare questi ultimi, erano 700, autentico record di partecipazione.

Molto positiva l’esperienza dei pacer, per la prima volta a questa mezza; hanno sapientemente incoraggiato e condotto molti podisti a raggiungere i propri personali obiettivi, oltre a dare una bella nota di colore alla manifestazione.

Largamente apprezzato il pasta party, una bel carico di carboidrati piuttosto utili ad integrare le energie spese lungo i 21 chilometri.

Infine, raggiunto l’obiettivo più importante, quello della raccolta dei fondi, i “service”; ancora una volta essenziali a sostenere progetti benefici e di grande valore sociale.

Ed ecco oltre 3000 foto scattate: http://foto.podisti.net/f260597175

 

Ufficio  Stampa Comitato organizzatore